Profumo d’olio e pane

E d’improvviso, oltre la tenda di velluto polverosa, oltre le finestre di fragili vetri di inizio secolo che ancora raccolgono segni di dita curiose, sguardi imprigionati, d’improvviso la luce accecante irrompe nelle strade.

Il vento tace e un caldo senza respiro si impossessa dei corpi che invano si nascondono all’ombra di ulivi nodosi.

Tutto è sogno, Bacco danza nel delirio di liberi gesti che si in(s)contrano ebbri di straripante follia.

Marco Polo cerca la strada verso il mare.

This slideshow requires JavaScript.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s