Brasil resista!

You can find the original version of this article here: http://www1.folha.uol.com.br/colunas/marinasilva/1171587-sobre-todos-nos.shtml

Commento della ex-Ministro dell’Ambiente del Brasile Marina Silva alla Lettera/Dichiarazione del Popolo Guarani-Kaiowà di Pyelito Kue/Mbarakay (Fonte: giornale Folha de São Paulo del 19.10.2012)

SU TUTTI NOI

Fino a quando assisteremo al genocidio senza fare nulla? Ognuno di noi sa se é il destinatario della domanda e in quale misura participiamo nella risposta”. Questa la domanda che Marina Silva ci invia.

É giá stato detto tutto sui Guarani-Kaiowá. Nulla sembra commuovere la “civilizzazione brasiliana” perché prenda coscienza che lo sterminio di questo Popolo é un crimine imperdonabile e che il sangue dei suoi bambini ricade su tutti noi.

Fa male al cuore leggere la Lettera/Dichiarazione della comunitá di Pyelito Kue/Mbarakay, del municipio di Iguatemi( Mato Grosso del Sud), divulgata dopo che la Giustizia di Naviraí ( Mato Grosso del Sud) ha determinato la loro espulsione della riva di un fiume.

É uno di quei documenti che testimoniano momenti gravi nella formazione del Paese, come i rapporti di Canudos e del Contestado, della Rivolta da Chibata, della schiavitú, della dittatura, degli incalcolabili massacri e assassinati che insanguinano il suolo della nostra patria.

 Ascoltiamo la voce dei Guarani-Kaiowá:

(…) valutiamo la nostra situazione e abbiamo concluso che moriremo proprio tutti in poco tempo, non abbiamo e non avremo prospettive di vita degna e giusta sia qui nella riva del fiume, sia lontano da qui. Siamo accampati a 50 metri dal fiume Hovy, dove ci sono giá stati 4 morti, essendo che due morirono per mezzo di suicidio e due in conseguenza dei maltrattamenti, percosse e torture da parte di pistoleiros (killers) delle fazendas. Viviamo qui lungo le rive del fiume Hovy da piú di un anno, siamo senza nessuna assistenza, isolati, circondati da pistoleiros, ma abbiamo resistito fino ad oggi. Mangiamo alimento solo una volta al giorno. Tutto questo abbiamo passato ogni giorno per recuperare il nostro antico territorio Pyelito Kue/Mbarakay”.

Dove sono i poteri della Repubblica, il sistema politico, le grandi imprese che si dichiarano le salvatrici della economia nazionale? Da che parte si trova l’opinione pubblica? Dove é il cordiale brasiliano?

Ascoltiamo:

(…) lí si trovano i cimiteri dei nostri antenati. Coscienti di questo fatto storico, noi stiamo giá e vogliamo essere uccisi e sotterrati assieme ai nostri antenati proprio qui dove ci troviamo oggi, e per questo chiediamo al governo ed alla Giustizia Federale non di decretare l’ordine di sgombero/espulsione, ma sollecitiamo perché venga decretata la nostra morte collettiva e per seppellirci tutti qui. Chiediamo, una volta per tutte, che venga decretata la nostra decimazione/estinzione totale, oltre che ad inviare vari trattori per scavare una grande fossa dove gettare e seppellire i nostri cadaveri. Questa é la nostra richiesta ai Giudici Federali”.

Ogni sei giorni avviene un suicidio tra i Guarani-Kaiowá. Sono quasi 50 assassinati ogni anno. Innumerevoli aggressioni. Manca etica, rispetto alla vita e responsabilitá con i piú deboli e fragili

Non mancano anestesisti ( anestesiadores ) di coscienza sempre disposti a minimizzare la gravitá della situazione, nel dire che gli Indios stanno bleffando, che dietro a loro ci sono le ONGs ( Organizzazioni Non Governative) straniere cospirando contro il Brasile.

 La domanda é: fino a quando assisteremo al genicidio senza fare nulla?

Ognuno sa se é uno dei destinatari della domanda e in quale misura partecipa nella risposta.

(Traduzione del padre Angelo Pansa).

 

 

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s